Il Teatro Valle Bene Comune è salutare! Un’esperienza sociale sperimentale di promozione della salute e del benessere di una comunità.

Comunicato del 10 Agosto 2014

Il Teatro Valle Occupato è un corpo utopico collettivo. Lotta per la diffusione del pensiero critico, il reddito di cittadinanza, il diritto alla vita degna e l’accesso ai saperi per tutti.

Il 14 giugno 2011 lavoratrici e lavoratori dello spettacolo, artisti, tecnici, autori, operatori hanno occupato il Teatro Valle per protestare contro i tagli alla cultura e impedire la privatizzazione del teatro. Da subito il teatro riaperto si è trasformato in agorà, una piazza sociale e un laboratorio politico per la cittadinanza attiva. In Europa è simbolo della rinascita culturale del nostro paese.

Il Teatro Valle Occupato sogna, inventa, sperimenta. Crea spazio per nuove relazioni, nuovi linguaggi, nuovi immaginari. Vive, respira, fa errori. 24 ore al giorno, tutti i giorni.

Il principio ispiratore è l’autogoverno: un teatro ideato da chi la cultura la produce e la ama. Teatro, cinema, danza contemporanea, drammaturgie, scritture sceniche, arte visive: un modello per trasformare il sistema culturale italiano.

Il Teatro Valle Occupato mette in pratica economie alternative basate sulla cooperazione, l’equità e l’auto-organizzazione del lavoro.

Il Teatro Valle Occupato pensa e agisce dentro le politiche dei beni comuni. Lo strumento giuridico che è stato scelto è quello della Fondazione Teatro Valle Bene Comune, primo esperimento in Italia, il cui Statuto è stato scritto attraverso un processo aperto e costituente, emendato online e in assemblee pubbliche. La Fondazione Teatro Valle Bene Comune, riconosciuta dal Notaio, più di 5500 soci fondatori e un capitale sociale raccolto attraverso l’azionariato diffuso.

A febbraio 2014 il Prefetto di Roma ha negato il riconoscimento. Il sindaco Marino a giugno ha accennato a un possibile sgombero come “soluzione finale”.

La rivolta culturale non si ferma!

Con queste parole i promotori di questi tre anni d’esperienza stra-ordinaria si raccontano all’inizio del loro blog su Il Fatto Quotidiano, blog aperto in questi giorni in cui, per volere esterno, si decide/rà il destino di tutta questa esperienza.

Come Medici Senza Camice, gruppo di attivisti della salute, scegliamo di sostenere e affiancare la lotta e le istanze della Fondazione Teatro Valle Bene Comune in quanto crediamo fermamente che questo processo dal basso iniziato tre anni fa sia, fra le altre cose, un esempio concreto di sperimentazione della promozione della salute di una comunità, creandone e coltivandone di fatto il benessere.

Oltre al valore artistico e culturale in sè, l’innesco di partecipazione messo in atto al Valle in questi anni ha valore anche per l’innovazione sull’utilizzo degli spazi, sui percorsi formativi, sulle modalità delle politiche culturali scelte, partecipate e pubbliche. Il valore di tutto questo è stato riconosciuto da molti in Italia come all’estero. 1

In questo comunicato proviamo a guardare all’esperienza di questi anni del Valle come ad un’esperienza sociale di promozione e tutela della salute, vorremmo infatti ampliare la narrazione di questo processo valorizzandone anche questa funzione, sinora taciuta: questo Valle è stato – ed è tantissimo in questi giorni – una palestra collettiva di empowerment di cittadinanza e comunità.

Il Valle con le sue pratiche ha scelto di riformulare i rapporti relazionali tra un’espressione immateriale della vitalità umana come l’arte, la cultura e la cittadinanza, riabitando in una modalità altra un luogo storico, pubblico e prezioso come il Teatro Valle. L’occupazione ha innescanto un vortice di partecipazione popolare sostanziale in cui i processi si co-costruiscono, riempiendosi di significati dinamici, di identità multiple che coesistono e si reinventano sulla base dei bisogni di chi vi partecipa.

I tre anni gestiti come Teatro Valle Bene Comune a ben guardare incarnano i principi strategici dei processi che promuovono la salute in accordo con la WHO – Carta di Ottawa 1986. Leggiamo l’esperienza del Valle riconoscendogli di aver realizzato e reso vive queste parole scritte nella Carta:

“La salute è un concetto positivo che valorizza le risorse personali e sociali, come pure le capacità fisiche. Quindi la promozione della salute non è una responsabilità esclusiva del settore sanitario, ma va al di là degli stili di vita e punta al benessere. Le nostre società sono complesse e interdipendenti, e non è possibile separare la salute dagli altri obiettivi. Gli inestricabili legami che esistono tra le persone e il loro ambiente costituiscono la base per un approccio socio-ecologico alla salute. Il principio guida globale per il mondo, e allo stesso modo per le nazioni, le regioni e le comunità, è la necessità di incoraggiare il sostegno e la tutela reciproci: prendersi cura gli uni degli altri, delle nostre comunità [..] I cambiamenti dei modelli di vita, di lavoro e del tempo libero hanno un importante impatto sulla salute. Il lavoro e il tempo libero dovrebbero esser una fonte di salute per le persone. Il modo in cui la società organizza il lavoro dovrebbe contribuire a creare una società sana. La promozione della salute genera condizioni di vita e di lavoro che sono sicure, stimolanti, soddisfacenti e piacevoli. E’ essenziale che venga svolta una sistematica valutazione dell’impatto che può avere sulla salute un ambiente in rapida trasformazione, con particolare riguardo alla tecnologia, al lavoro, alla produzione di energia e all’urbanizzazione: tale valutazione deve essere seguita da azioni che garantiscano benefici alla salute delle persone. […] La salute è creata e vissuta dalle persone all’interno degli ambienti organizzativi della vita quotidiana: dove si studia, si lavora, si gioca e si ama. La salute è creata prendendosi cura di se stessi e degli altri, essendo capaci di prendere decisioni e di avere il controllo sulle diverse circostanze della vita, garantendo che la società in cui uno vive sia in grado di creare le condizioni che permettono a tutti i suoi membri di raggiungere questa idea della salute.”2

Il Valle in questi tre anni ha fatto (anche) questo in maniera alta, creando una comunità sempre più grande e importante, con molteplici reti sociali, non è stato cioè un processo chiuso in sé stesso, ma un luogo innovativo ed identificativo per la città, abitabile, sempre aperto, attraversato da migliaia di persone, partecipato.

Il Valle ha scelto di mettere in atto pratiche politiche ed economiche alternative ai modelli gestionali ubiquitari non solo dei teatri: pratiche non verticali, non gerarchiche, fuori dalle logiche di profitto che dominano la nostra società – vincendo di fatto questa scommessa artistica politica sociale culturale. Nella stessa logica ha praticato una condivisione dei saperi ed una formazione aperta e permanente.3

Tutte pratiche che in definitiva sottendono un’idea di società, meno diseguale, in cui le persone e la collettività contano… con un ampio spazio di libertà ed autodeterminazione.

“…Questo è il senso di quello striscione che campeggia ora davanti al teatro, ora in platea, ora in galleria, dal giugno del 2011, ‘Com’è triste la prudenza’. La frase è del drammaturgo Rafael Spregelburd, e la sfida era simile: una battaglia di una nuova classe – quella degli artisti, dei lavoratori della cultura – nel trasformare un desiderio artistico in un modo diverso di vedere il mondo. La sensibilità di una narrazione del contemporaneo che si lancia a immaginare nuovi modelli gestionali… Si tratta di capire non cosa accadrà al Valle, ma cosa accadrà a noi”.4

Per questo il Valle è anche salutare!

Per tutte queste ragioni sosteniamo la Fondazione Teatro Valle Bene Comune e chiediamo che questa esperienza continui!

 

Medici Senza Camice – Roma

     Centro Studi e Ricerche in Salute Internazionale e Interculturale – Università di Bologna

     Centro Sperimentale per la Promozione della Salute e l’Educazione Sanitaria – Università di Perugia

     People’s Health Movement – Italy5

 

 


 

1 La Euro­pean Cul­tu­ral Foun­da­tion, tra gli altri, ha asse­gnato al Teatro Valle il pre­sti­gioso pre­mio Prin­cess Mar­griet Award 2014, men­tre il Zen­trum fur Kunst und Medien­technologie (ZKM) di Kar­lsruhe ha dedi­cato a que­sta espe­rienza uno spa­zio in una recente mostra inter­na­zio­nale dedi­cata ai movi­menti sociali nel mondo.

2 http://www.who.int/healthpromotion/conferences/previous/ottawa/en/

http://www.cooperazioneallosviluppo.esteri.it/pdgcs/italiano/speciali/sanita/Pdf/CartaOttawa.pdf

https://www.youtube.com/watch?v=35ZGgFr045s&list=UU7s_4rIy53JqQOsHuZk6cGg

http://www.minimaetmoralia.it/wp/e-finito-il-valle/

http://www.saluteinternazionale.info/2014/07/formazione-e-attivismo-in-salute-lesperienza-dellinternational-peoples-health-university/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *